Perugia. Blitz di Forza Nuova contro Berizzi, Luxuria e don Zanotelli



Si stanno moltiplicando i blitz di Forza Nuova. Questa volta se la sono presa con il giornalista di Repubblica Paolo Berizzi, l'ex parlamentare Vladimir Luxuria e don Zanotelli.
Su Facebook hanno rivendicato lo striscione apparso ieri a Perugia su cui i camerata avevano scritto: "No al festival dell'infamia e della perversione". E lo hanno fatto con un post ricco di imprecisioni e di odio. Giurano che il festival fosse «un concentrato di idiozie politicamente corrette, prive di qualsiasi attinenza alla realtà» e lo bollano come una «aberrante conferenza pornografica del signor Guadagno, in 'arte' Luxuria». Sostengono che nell'incontro si sarebbe parlato di «cambio di sesso degli infanti» e che si sia «propagandato ed incentivato» il cambio di sesso. Peccato che non sia vero dato che Luxuria ha semplicemente spiegato la difficoltà dei media nel parlare in termini corretti di transessualità.
Padre Alex Zanotelli è stato ritenuto colpevole di parlare di «piani pro società multirazziale» mentre il giornalista Paolo Berizzi viene etichettato come «il solito pistolotto antifascista».
4 commenti