Filippo Savarese, il sedicente "pro-life" che inveisce contro chi salva vite umane



Mentre il senatore leghista Simone Pillon definisce «zecche» chi salva vite umane contro gli interessi del suo partito, il fondamentalista Filippo Savarese ha cercato di convogliare l'odio dei suoi adepti verso i migranti salvati dalla SeaWatch verso i suoi fini partitici.
Evidentemente sostenendo che i suoi slogan sulla "difesa della vita" non siano applicabili ai bambini con un colore della palle a lui sgradito, il presidente della CitizienGo se n'è uscito con una polemica basata sul sostenere che il Pd dovrebbe interessarsi solo a ciò che lui può strumentalizzare e non certo ad offrire assistenza a persone a lui sgradite:


Se la retorica del fondamentalismo organizzato usa il termine "famiglia" per qualunque cosa e contro chiunque non sia espressione dell'estrema destra, qui tira in ballo un'indagine su alcuni affidi nella speranza che la sua retorica basata sull'uso dei bambini possa creare odio. Peccato non esiste nesso tra i fatti e la SeaWatch, così come curioso è che se la prenda col sindaco e non con quel suo Pillon che dovrebbe occuparsi di questi temi se solo non fosse troppo impegnato a promuovere omofobia.

E se la strumentalizzazione dei fatti di conosca come "legittimazione" al razzismo paiono già di per sé vergognosi, Savarese si supera nel lanciarsi in invettive contro i leghisti che non discriminano i gay così come lui vorrebbe. Evidentemente ritiene che il suo endorsement a Matteo Salvini debba prevedere che i leghisti obbediscano ai suoi più perversi sogni discriminatori contro quei gruppi sociali che sono vittima delle sue incessanti invettive
Raccontando che l'odio e i crimini omofobici sarebbero "libertà di espressione" e che l'omofobia debba essere "difesa" al fine si l'odio promosso dalla sua setta, afferma:


Messaggi simili sembrano espressione di bullismo da parte di un uomo biancho che pretende privilegi derivanti sia dalla sua ostentata passione per le donne, sia per il suo colore della pelle. Avesse un briciolo di dignità, forse toglierebbe quel simbolo che indica i "cristiani perseguitati" dato che lui non sembra cristiano mentre ha tutta l'aria di un persecutore...
1 commento