Salvini vuole denunciare i cittadini che lo contestano



Come sua abitudine, il leghista Matto Salvini si è affrettato a cercare di salire sul carro dei vincitori attraverso il tentativo di auto-attribuirsi il merito di aver portato in Italia le Olimpiadi del 2026. Ed è così che sui suoi canali di propaganda (rigorosamente gestiti a spese degli italiani) scrive:


Peccato che il leghista sostenesse teorie molto diverse quanto ricorse al più becero populismo nell'inveire contro Renzi e il suo tentativo di portare in Italia delle Olimpiadi che avrebbero creato ancora più posti di lavoro. In quell'occasione, il leghista dichiarò:






Davanti ad un libero cittadino ha osato notare quell'ipocrisia, il ministro leghista è immediatamente ricorso ai suoi soliti insulti prima di minacciare una querela. Non che Salvini ne abbia mai vinta una, ma pare ch eil leghista confidi nella sua enorme disponibilità di denaro come mezzo per intimorire chi dovrà stare zitto se non vorrà doversi pagare un avvocato per difendersi dalle sue querele:


Pare dunque che nell'Italia leghista, il cittadino debba avere paura dello stato mentre i politici esigono stipendi pubblici con cui minacciare chi osa interferire con i loro affari.
1 commento