Secondo gli exit pool, il 68% degli irlandesi si è espresso a favore della legalizzazione dell'aborto



Secondo gli exit pool, nella cattolicissima Irlanda il 68% della popolazione si sarebbe espressa a favore dell'abrogazione della legge che proibisce l'interruzione di gravidanza. Solo un 32% si è dichiarato a favore di una norma che vieta l'aborto anche in caso di stupro, incesto o gravissime malformazioni del feto.
Lo spoglio dei voti inizierà domani mattina ma, se i numeri saranno confermati, sarà la prova di un cambiamento culturale di portata storica. Nel 2015 gli Irlandesi approvarono il matrimonio egualitario nonostante la strenua opposizione della Chiesa Cattolica. Ed anche in questo caso la curia ha appoggiato una massiccia e cruenta campagna di disinformazione che non si è astenuta neppure da vere e proprie menzogne riguardo alla legge in discussione.
Numerosi vescovi e preti avevano usato i pulpiti delle loro chiese per invitare i fedeli a votare contro il diritto di scelta delle donne.
1 commento