Salvini torna a proporre la castrazione chimica. I suoi: «Vogliamo anche la sterilizzazione per i maschi stranieri perché figliano troppo. Torturiamoli!»



Sembra proprio che il Matteo Salvini non perda occasione per tentare di promuovere cieco odio contro gli stranieri. Cercando di generalizzare ogni singolo caso veda coinvolto uno straniero che sui social scrive:

Beccato dalla Polizia di Stato lo schifoso che qualche giorno fa aveva rapinato e stuprato una donna di 70 anni in casa sua a Milano. Un recidivo. Era stato già rispedito in Romania per un’altra violenza di dieci anni fa ma, uscito dal carcere, ha pensato bene di tornare subito in Italia! Posto che questo soggetto dovrebbe essere subito restituito alle patrie galere (e questa volta suggerisco di buttare la chiave), confermo l’opportunità della castrazione chimica farmacologica per "curare" questi infami: altri Paesi la sperimentano da anni, perché in Italia no?".

Se l'uso di insulti è parte della dialettica con cui Salvini sta sdoganando la violenza sociale, dicendo ai suoi proseliti che se qualcuno commette crimini non è più tutelato dai più basilari principi civili dato che lui lo paragona ad un animale al pari di come facevano i nazisti, immancabile è il suo sostenere che l'italico padano debba sentirsi minacciato da chi entra nel nostro Paese ma non da chi gli ruba 49 milioni di euro per poi restituirli in ottant'anni di rate senza interessi.
Se è evidente che il problema è la percentuale di criminali e non la loro nazionalità, è attraverso il suo rilanciare solo ed esclusivamente notizie che riguardano stranieri che il ministro sta cercando di far passare l'idea che tutti i criminali siano stranieri e che l'Italia dovrebbe costure alte mura e rifiutare contatti con chiunque non sia Putin o Orban. peccato che, secondo i dato del Ministero dell'Interno, le persone denunciate o arrestate per stupro nel 2017 sono state 2.438, di cui 1.534 italiane e 904 straniere. Quando Salvini parla di castrazione chimica lo fa sempre sull'onda di un fatto di cronaca perpetrato da stranieri, ma nei fatti avrebbe dovuto castrare anche 1.500 italiani. Ma, come vedremo, pare che i suoi seguaci non lo sappiano e credano alla sua storiella sul fatto che sarebbe sempre colpa degli stranieri.
Non solo. La storia di Salvini ci racconta che l'aggressore ha evidenti problemi psicologici e che il carcere non sia certo stata una soluzione, da voltastomaco è come Salvini possa sostenere che le torture fisiche possano essere ritenuti «una cura». Prima di lui lo sostenevano anche i nazisti che dentro i campi di Auschwitz gestirono diversi esperimenti su uomini accusati di violenza sessuale.

Da prassi, l'invito alla violenza di Salvini ha conquistato i lettori de Il Giornale, da sempre particolarmente inclini alla violenza e adoratori di quel ministro che va in giro su una ruspa a distruggere e radere al suolo chiunque non risulti conformato ai loro stereotipi. Tra i commenti chi chiede che gli stranieri siano sottoposti a leggi diverse e chi inveisce contro la sinistra per partito preso, scrivono:

  • La castrazione chimica è solo temporanea, qui ci vuole quella fisica, definitiva!
  • L'ho già scritto nell'altro articolo: reintrodurre la pena di morte. La "redenzione" di Cesare Beccaria è stata superata dai fatti.
  • Far entrare la Romania in UE è stato un crimine.
  • Chi sa perché è tornato subito in italia. I sinistri se lo chiedono? o lo debbono redimere. Questo verma non deve più uscire di galera altro che affidamento ai servizi sociali
  • Non c'è da stupirsi di quanto è successo: siamo in un Paese, grazie ai preti e ai comunisti, criminal-free. Dove gli ipocriti radical chic e i media principali parlano sempre contro i nostri interessi. Onore a Briatore, che in un articolo apparso ieri su MSN, ha avuto il 'coraggio' di dire che è favorevole a Salvini e al blocco navale. Rari nantes in gurgite vasto.
  • Macche chimica ci vuole la castrazione fisica, vaginoplastica forzata a costo di scriverlo anche la costituzione questa è l'unica soluzione per tutti i degenerati !!
  • Personalmente sono per la castrazione tout-court. Quella chimica può avere effetto se il criminale fosse carcerato fino agli 80anni e così potergli dare gli inibitori che, se fosse libero, mai assumerà. Il classico cane che si morde la coda. Se si vogliono salvare davvero donne e bambini da stupratori bruti mostri e predatori bisogna aver coraggio e non nascondersi dietro pietumi vari e porsi la domanda: Sono più importanti i bambini e le donne ed i ragazzi, oppure un criminale assaltatore?- Se si preferisce salvare i primi bisogna fermare i secondi senza remore etiche ecc...- Se si sceglie i secondi che, essendo mostri, sono da salvaguardare, Vi siete risposti da soli che i primi non contano. Avere coraggio e non fuffa nel cervello. Di solito disinfestiamo dalle zanzare, dai topi ecc.. Facciamolo anche coi bruti senza tante menate.
  • Una legge chiara per chi entra in Italia: sterilizzazione per i maschi perché figliano ogni 10 mesi e castrazione alla prima violenza, vediamo se gli passa la voglia.
  • L'immigrato che compie reato va recluso e poi espulso fisicamente, non deve più esser libero nel nostro paese.
  • Ma perché chimica? Molto meglio la fisica.
  • La castrazione chimica comporta un certo e lungo iter che chi non vorrà sottoporsi gli riuscirà facile non farlo.. quindi per questi delinquenti stranieri un bel 'zac' e tutti portati a casa loro con diffida e divieto di ritorno in Italia.
  • Chiaro che è tornato in Italia, qui i delinquenti sono tutelati e difesi dal Pd. Pd e dai compagni magistrati.
  • Questa e' la unica soluzione quella definitiva
  • Il tempo delle parole è finito, è arrivato il momento di passare ai fatti! e se qualche idiota non l'ha ancora capito, è pregato di tacere o di andarsene dal nostro paese!
  • Siamo lo svuota-carceri dei Paesi di partenza dei finti profughi, ecco perché non li vogliono più indietro. Noi facciamo le leggi per liberare i delinquenti loro li mandano in Italia e fanno in modo che rimangano con la complicità della nostra giustizia.
  • Salvini sbaglia ci vuole la castrazione fisica.
  • In Romania sanno benissimo che in Italia restano impuniti e, soprattutto, la polizia non spara.
  • Non sono d'accordo. La castrazione chimica è complessa e costosa, quella fisica è difficoltosa (richiede un buon chirurgo) e forse anche un po' incostituzionale, vuoi che un bravo avvocato non ci trovi qualche cavillo? Meglio portare questa gentaglia allo zoo a vedere le bestie feroci, poi scordarsela (ma guarda il caso!) dentro una gabbia. Problema risolto e a gratis, risparmiando anche sul cibo per gli animali.
  • Perché chimica? bastano un paio di forbici!
  • Contatele giuste pero le notizie. Non ha stuprato, ha sodomizzato ed e un Rom di fece mussulmana!!! Su abbiate il coraggio di pubblicare ora, cosi come ha fatto il quotidiano (sicuramente Leghista) Imola Oggi!!! Amen.
  • "Castrazione chimica"... perché chimica ?..Un paio di cesoie, sporche....
  • D'accordo con la castrazione chimica. Però mettendo i genitali a bagno nell'acido solforico.
  • No chimica ma in macelleria!
  • Oggi hanno fatto la manifestazione per "L'Italia che non ha paura". Potendo ci andava anche la signora stuprata.
  • I migranti oggi sono l'elemento umano, l'avanguardia di questa globalizzazione e ci offrono uno stile di vita che presto sarà molto diffuso per tutti noi. Sicuramente non lo sarà per me.
  • Io sono un chimico e sono contrario all'uso della chimica per questi scopi. molto meglio la castrazione semplice
  • Tralasciando che i dati da Lei citati sono poco attendibili (essendo stati raccolti da un Ministero gestito dal PD), Le faccio notare che tra i cosiddetti italiani ci sono milioni di stranieri naturalizzati o mezzi italiani come Lei che tutto sono fuorché veri italiani. Detto ciò, carcere lungo e duro per chi compie questi reati anche perché la castrazione chimica funziona solo fino a che si assumono le sostanze che inibiscono gli impulsi sessuali e quindi se uno fa perdere le proprie tracce uscito di carcere ridiventa un pericolo.
2 commenti