L'uomo di Bannon: «La diseguaglianza è parte della natura umana. I gay sono disordinati e contro natura»



Oltre ad essere l'alleato di Salvini, Steve Bannon è anche un estremista che pare eccitarsi nel descrivere quanto si sia emozionato nel gustarsi i campi di concentramento nazisti. È infatti davanti alle telecamere che ne c'è uscito dichiarando tronfio: «Cazzo, Aushwitz è proprio una figata! Dio mio: è ingegneria di precisione all'ennesima potenza… è un complesso industriale istituzionalizzato per eccidi di massa».
A gestire la sua scuola di formazione sovranista insediata presso la Certosa di Trisulti c'è l'associazione Dignitatis Humane Instituite. Ed è ai microfoni della Rai che il loro presidente, Benjamin Harnwell, non ha nascosto come l'omofobia sia uno dei tanti odi che Bannon è interessato a coltivare per il suo interesse elettorale. «Gli omosessuali? Sono disordinati» ha dichiarato al giornalista Giorgio Mottola. E alla domanda se dovessero essere ritenuti "contro natura", lui risponde convinto: «Sì».
Ricapitolando, dunque, la loro idea di "cristianesimo" è un'esaltazione dei lager nazisti ed una condanna della natura umana.


Ovviamente il leader dei sovranisti naziolanlisti è un immigrato che è venuto in Italia nel 2010 per operare per conto di un americano licenziato via Twitter da trump. Il tutto in nome di un Dio che viene quotidianamente insultato dalla loro dialettica contro qualunque tema sia troppo cristiano per poter risultare sgradito ad un Salvini o ad un Pillon.
L'uomo che gestirà la Certosa di Trisulti per i prossimi 19 anni dichiara che «la diseguaglianza è parte della natura umana» e che «i comunisti sono contro natura».
2 commenti