Il "ministro" Salvini non sa manco chi siano le vittime della strage di via D'Amelio



Dovrebbe essere il ministro dell'interno (o perlomeno quello è il ruolo per cui gli italiani vengono obbligati a pagarlo profumatamente). Eppure è nel giorno dell'anniversario della strage di via D'Amelio che Matteo Salvini non solo ha mandato altri in sua rappresentanza alla commemorazione, ma in un tweet pubblicato sui suoi canali di propaganda social pare ignorare persino chi sia stato ucciso:


Il 19 luglio 1992 persero la vita il magistrato Paolo Borsellino e i cinque agenti della scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi (prima donna a far parte di una scorta e prima donna della Polizia di Stato a cadere in servizio), Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Ma il "ministro" non pare saperlo.
4 commenti