Il volgare bullismo transofobico di Jacopo Coghe



Dopo aver incassato patrocini pubblici per il congresso contro la famiglie organizzato a Verona dal fondamentalismo organizzato, è atteggiandosi come un bulletto che Jacopo Coghe si fa pagare da Mosca per dispensare insulti e offese gratuito contro le persone lgbt.
In un atto vergognoso che non ha bisogno di alcun commento, il fondamentalista scrive:


Ma i suoi proseliti non provano schifo davanti ad un tizio così disgustosamente transoofibico? Lui almeno si fa pagare dai Russi per svendere il futuro dei suoi figli, ma i suoi proseliti davvero riescono a guardarsi allo specchio?
2 commenti