Trump chiede di legalizzare il licenziamento delle persone trans



Prosegue la feroce crociata transofobica dell'amministrazione Trump. Questa volta il presidente degli Stati Uniti ha chiesto alla Corte Suprema di esprimersi a sostegno della possibilità di poter liceziare le persone trans per il solo fatto di esserlo.
Nella richiesta inviata in merito al caso di una donna trans licenziata dopo avere percorso la transizione, il dipartimento di giustizia sostiene che il Titolo VII del Civil Rights Act del 1964 impedisca il licenziamento di lavoratori e lavoratrici solo in base al “sesso biologico” e non all’identità di genere. Nonostante il testo parli solo di “sesso” e nonostante l'accezione indicata sia un'aggiunta inserita dal suo staff, il suo piano mira a creare sottogruppi ideologici che mirano ad impedire di estendere le norme antidicriminazioni del passato alle realtà odierne. A detta di Trump, dunque, ogni discriminazione basata su orientamento sessuale o identità di genere dovrebbero essere ritenuti estranei alle protezioni della legge.
4 commenti