Il sindaco Bucci: «Uccidevo i gattini e le loro mamme»



«Io da bambino prendevo i gattini appena nati, li chiudevo in un sacchetto e li affogavo. E le mamme che non riuscivo a prenderle, le infilzavo con le stecche degli ombrelli, per ucciderle. In più, fosse per me, sopprimerei tutti i cani». Lo ha dichiarato Marco Bucci, il sindaco di Genova appoggiato da Matteo Salvini e da Giorgia Meloni.
Se il sadismo del soggetto spiegherebbe le sue ordinanze contro poveri e stranieri come devianza di stermini compiuti da bambino, ma Bucci si è "difeso" dicendo di essere stato frainteso e che lui parlava solo dei giochi con cui si dilettavano i bambini nel modenese: uccidendo e seviziando gli animali per sadismo. Se a lui sembra normale...
2 commenti