Migrante pulisce le strade a Mestre con la scopa, i vigili lo sanzionano con 350 euro di multa



Dato che la propaganda di estrema destra ha bisogno che la gente abbia paura degli stranieri per accaparrarsi voti, forse non dovrebbe stupire che i vigili di Mestre abbiano multato un giovane migrante che è stato «sorpreso palesemente a ripulire la zona senza alcuna autorizzazione dell'amministrazione comunale». In fin dei conto uno straniero che contribuisce al bene comune non è utile a chi vuol sparare alle barche dei migranti, motivo per qualche leghista avrà probabilmente festeggiato nell'apprendere nell'apprendere che giovane è stato sanzionato con 350 euro di multa dato che non contribuiva alla promozione degli stereotipi che Salvini e Meloni sono soliti proporre sulle loro pagine di propaganda social.
L'avvocato Matteo D’Angelo, che si sta occupando dl caso, dichiara: «Era disperato. Capito negozianti, professionisti, cittadini? Non ripulite il paese che vivete, serve l’autorizzazione. Tenetevi lo sporco pur pagando centinaia di euro, se non migliaia di euro di Tari. E, soprattutto, guai che un povero cristo provi ad integrarsi: serve "l’autorizzazione"».
1 commento