La pacchia di Matteo Salvini: pagato lautamente dagli italiani per farsi i cazzi suoi



Matteo Salvini basa gran parte della sua propaganda politica sull'autoproclamarsi "uomo del popolo", evidentemente confidando sul fatto che ben pochi proseliti sappiano che lui è ricco sfondato e che si è premurati di mettere al sicuro gran parte del suo capitale in Lussemburgo (alla facciazza del suo "prima gli italiani"!). E chissà quanto suoi elettori si sentiranno da lui rappresentati nel sapere che il leghista percepisce il suo intero stipendio da senatore anche se si è presentato in Senato una sola volta nell'arco dell'ultimo mese, esclusiva,mente in occasione del voto di fiducia a Conte.
Tutti gli altri giorni sono stati segnati come permessi per Missioni" istituzionali, anche se il suo fittissimo calendario di comizi si fa capire che il leader padano non ha mai perso il suo vizietto di far pagare ai contribuenti italiani il suo secondo lavoro da segretario di partito, motivo per cui lui preferisce occuparsi dei suoi interessi piuttosto che delle mansioni per cui il popolo italiano viene costretto a pagarlo.
2 commenti