Lo squallore di Libero: ora pretende pure di ordinare ai propri lettori che cosa debbano pensare



Mentre Matteo Salvini rosica nell'aver perso 10 punti percentuali in soli due mesi, nel contare meno di un due di picche in Europa e di risultare ridicolo nel suo rifiutarsi di rispondere alle domande sul suo coinvolgimento nel Russiagate, i quotidiani salviniani sembrano ormai disposti a calpestare ogni più basilare etica deontologica pur di asservire gli interessi del loro padrone.
Ne è un esempio Libero, arrivato a pubblicare articoli in cui dicono ai propri lettori che cosa debbano pensare dato che potrebbero osare avere opinioni in disaccordo con gli interessi del Carroccio. Incuranti di come i fatti raccontano che sia stata la guardia costiera a compiere una manovra spericolata o di come sia assurdo sostenere che i militari avrebbero rischiato la vita come giura sul sacro cuore immacolato di Maria il leader padano, scrivono:

Maria Giovanna Maglie non ha preso bene gli applausi a Carola Rackete all'Europarlamento. E sfoga il suo disappunto sui social: "Applausi e quasi una standing ovation per Carola Rackete all'audizione davanti alla commissione libertà civili, giustizia e affari interni del Parlamento Europeo. Applausi per un gesto illegale, per aver speronato la Guardia di finanza", ricorda la giornalista. La Maglie conclude la sfuriata con un durissimo: "Fate schifo". Più o meno la linea di Matteo Salvini e della Lega tutta. L'ex ministro, tra le altre cose, ha tuonato: "In un Paese normale, una che ha rischiato di uccidere cinque militari Italiani per scaricare decine di immigrati a terra sarebbe in galera, non a blaterare al Parlamento Europeo". Difficile dar torto alla Maglie e a Salvini: una sostanziale fuorilegge, poche ore fa, è stata accolta all'Europarlamento come un'eroina.

Se è facilissimo dar loro torto e queste industriose affermazioni ben spiegano perché mai Salvini volesse affidare alla sua amichetta Maglie una fascia televisiva quotidiana con cui imbarbarire il popolo italiano a beneficio del suo tornaconto personale (tanto lui investe all'estero le sue ingenti ricchezze), non sembra giornalismo quello che vede un giornale che dice ai propri lettori cosa devono pensare.






1 commento