I lettori de Il Giornale: «Luxuria fa lezioni di preparazioni pedofile. Intervenga in Vaticano»



Ci siamo già occupati del patetico articolo con cui Il Giornale ha attaccato Vladimir Luxuria attraverso un pezzo di Paolo Bracalini dal titolo "In Rai Luxuria spiega ai bimbi come si diventa transessuali".
Se sinceramente c'è da domandarsi come faccia il signor Paolo Bracalini a guardarsi allo specchio senza provare schifo per le porcherie che pare avere il coraggio di firmare a fini di mera promozione transofobica, è ancora più devastante osservare cosa siano stati capaci di scrivere i suoi lettori dinnanzi al suo giurare che dei bimbi sarebbero stati mandati a «lezione di transgenderismo sulla tv pubblica».

Si parte con i soliti insulti gratuiti o col dire che quel Papa che non vogliono possa rompergli le scatole nel parlare di accoglienza intervenga per promuovere odio. Ovviamente dicono che a Luxuria ci si dovrebbe rivolgere al maschile in modo da essere ostentatamente offensivi, così come pare che manco sappiano che differenza ci sia tra un gay e una transessuale:
  • chiunque "lavi" il cervello ai minori deve essere messo in galera (e non per poco).
  • Vergognoso, chiudete rai 3.
  • viene nausea solo a leggere dell'episodio...non si può commentare...
  • poi non lamentiamoci se la società va a ramengo.
  • Se non erro alcuni anni fa il soggetto è andato a Soci, verso il Mar Nero, a evangelizzare le locali comunità ... ma sul tragitto di Damasco invece di incontrare la "luce" ha trovato dei nerboruti gendarmi che perlomeno l'hanno schernito e in men che non si dica fatto imbarcare sul primo aereo per il Bel Paese.
  • Il signor Guadagno mi sta anche simpatico; nulla da eccepire sulle sue sensibilità. Ma trovo inopportuna quella che a me pare un'esibizione. Papa Francesco è categorico: "Le parole più dure di Gesù sono proprio per chi dà scandalo ai piccoli. Conviene che gli venga appesa al collo una macina da mulino e sia gettato nel profondo del mare”. Era proprio necessaria questa 'lezione'?
  • i bambini vanno tutelati. non si può parlare di un argomento così delicato a bimbi di età compresa tra 9 e 12 anni. E' sbagliato
  • Uno schifo vero e proprio. I nostri figli devono essere protetti da questi squallidi personaggi. Il ministro Fontana si muova subito e stronchi sul nascere certe iniziative della sinistra malata.
  • una domanda ai professionisti a tutela della legalità: la promozione della ANORMALITA' (intesa come fuori dalla NORMALITA' almeno in ambito statistico) quando organizzata in sedi istituzionali, non assume carattere di apologia di reato, in quanto mirata a stravolgere appunto la bilancia statistica dei comportamenti di massa tra NORMALITA' e ANORMALITA'?
  • Inaccettabile e fuorviante. Le aberrazioni del "politically correct" hanno ormai portato a conseguenze catastrofiche. E -per di più- sul servizio pubblico RAI... 
  • Cioè fatemi capire: i 'decostruzionisti' lgbt dicono che le identità sessuali sono inventate culturalmente e sostenute dagli stereotipi. Poi hanno un'identità sessuale alternativa che vogliono riconosciuta proprio perché si identificano con quegli stereotipi. Tra parentesi, non perché sono una donna, ma come imitazione e atteggiamenti..... i pagliacci del circo almeno fanno ridere. 
  • La caduta cosi in basso fa male (molto male) a chi ha lavorato tanto per fare dell'Italia un paese moderno!!! 
  • Anche io ero un uomo intrappolato nel corpo di una donna. Poi sono nato 
  • ora Luxuria è una donna intelligente e anche piacevole, perchè a fare queste lezioni non mandano invece i viados brasiliani che oltre che essere caricature di donne sono anche spacciatori? purtroppo quella è la vera realtà dei trans che i bambini vedono giorno e notte per le strade
  • Ormai se non ci sono dei gay in tutte le trasmissioni televisive, dalle sit-com ai talk show, dai reality ai talent, si viene tacciati di omofobia, ma qui si sta esagerando! E poi ci lamentiamo che nascono meno bambini...
  • Gli adulti facciano come credono, ma dare questa "lezione" a bimbi di 13 anni e' fuori posto, dubito che possano avere sufficiente senso critico. Insomma mi sembra una cosa da depravati. Legittimo chiedere: i genitori vennero avvisati in anticipo di questo "show"?
  • chi pga questo pezzo di m...depravato per compiere certi misfatti? La RAI, i grillini o il Vaticano? E perchè i genitori non si sono ribellati? I miei figli non sarebbero mai andati in quell'aula, anche se per fortuna e per loro natura non correvano alcun rischio. Per me possono fare ciò che vogliono, ma questi pervertiti non hanno diritto di fare proseliti. Ma la Chiesa, a cui stanno a cuore sono i migranti islamici, che dice? Bergoglio, ci sei???
  • Luxuria è un'aberrazione della natura che decine di operazioni non hanno cambiato, sembra un camionista travestito. Perchè offendere l'innocenza con l'aberrazione e la bruttezza dovrebbero arrestare gli organizzatori.
  • Cosa aspettano i PM ad intervenire ?
  • Ma quale spiegare,questa è apertamente un'opera di manipolazione di giovani virgulti. Certi argomenti sono di esclusivo dominio dei genitori,a scuola non si devono spiegare sessualità deviate ma si devono inculcare concetti ed abitudini POSITIVE. Detto questo,niente impedisce ai bambini,col tempo,di scoprire le cose del mondo e,eventualmente, sottoporle a critica.
  • schifezza assoluta, perché permettono queste cose disgustose.
  • Invece di insegnare cose utli agli alunni (come imparare a cucinare, a costruire un mini-orticello, a dipingere o a suonare uno strumento musicale), insegnano certe aberrazioni volute dalla criminale Élite Globalista.
  • Questa è una porcata che supera ogni immaginazione. Alla perversione non c'è limite né vergogna. Intervenga la Magistratura dei minori e il Vaticano!
  • è ricicciato perfino quel gran giocatore di rubamazzo di Freccero, protettore dell'arcobaleno . ormai ,tramite il canone ,una parte del pizzo va pure ai froxi !!!!!!!
  • Lo schifo italico, fa lezioni di preparazioni pedofile, e pederasti, chi é quel deficiente che permette queste fetenzie da quanto in qua essere pederasti e culattoni é una virtú?
Nonostante tutti i genitori dei bambini presenti avessero dato esplicito consenso a trattare quelle tematiche, i lettori de Il Giornale si mettono a sbraitare che nessun genitore deve poter voler educare i figlia dato che loro credono che tutti debbano essere trogloditi quanto lo sono loro:
  • Mai ho pensato di discriminare alcuno per le sue preferenze ma qui si sta esagerando, a me sembra che facciano di tutto per far diventare tutti dei diversi. Che si faccia sapere ai ragazzini che il mondo non è tutto bianco o nero ma che esiste il grigio è normale educazione che genitori, ripeto genitori, con sale in zucca impartiscono ai figli. Che questi diversi si sentano in dovere di sostituirsi ai genitori dovrebbe far alzare le antenne e pretendere che non s'immischino con la protervia che hanno a far lavaggi del cervello. Sono convinta che non agiscono per far conoscere ma per avere adepti futuri, in fin dei conti so come agiscono. Con il loro battage pubblicitario si rendono odiosi e "pericolosi". E poi si domandano come mai stanno salendo al "gozzo" del prossimo!
  • ..e i genitori dove erano??..ma non è plagiare e deviare gli adolescenti ?...ma non è reato..!!... il latino è ancora attuale... i latini avevano previsto e inserito il genere neutro.....!!!
  • Inconcepibile!!! Se neppure i genitori proteggono i loro bambini, come si può "sperare contro ogni speranza"?
  • E' ora che i genitori siano PREVENTIVAMENTE informati su queste "lezioni" dai presidi e DIANO l'assenso affinchè abbiano luogo. Se il ministro metterà in atto questa regola, avrà fatto solo il suo dovere.
Non meno grave è il filone dei proseliti della De mari, tutti sudati nel tentativo di raccontarsi che l'omosessualità sarebbe una «scelta» e che, come tale, possa essere condannata da quegli omofobi che votano Salvini solo perché Pillon odia i gay:
  • La solita bufala nazigay. Non si imbrogliano i bambini ingenui. Se si afferma che si "nasce gay" BISOGNA DIRE cosa hanno di diverso alla nascita i bambini gay. Fino ad oggi nessuno lo sa, praticamente NULLA. «Io quando sono nato ero un maschietto,... sentivo dentro di me di essere una bambina.. Con una frase molto ambigua e politicamente scorretta, fa un salto narrativo di almeno cinque anni. Quando tutti nasciamo "NESSUNO E' CONSAPEVOLE" della propria identità sessuale. Dopo circa quattro/cinque anni, ci rendiamo conto della nostra identità. Nel frattempo possono essere successi tanti di quei traumi ed esperienze psicologiche che possono portare a "rifiutare" la propria identità e ruolo sessuale. Ricordiamo che il "RIFIUTO" è una difesa del "IO". Omosessuali si diventa!!!!!! NON SI NASCE. (fino a certificazione scientifica contraria e non con fantasie isteriche).
  • Non si nasce, si diventa.
  • Siamo arrivati alla follia pure.Solo pochi decenni fa Freud né " Tre saggi sulla sessualità" annoverava l'omosessualità nelle perversioni sessuali. Oggi viene sbandierata in TV ai minorenni come scelta sessuale. E poi parlano di scienza!!
  • I tredicenni avranno capito che se il risultato è quello seduto davanti a loro, meglio rimanere come si nasce.
  • C'è da dire che avendo davanti a loro un esempio così lampante, ben pochi decideranno di diventare come lei/lui/ o cosa!!!
  • Schifose assurdità dette da chi non dovrebbe essere là. Hanno intenzione di fare adepti?
  • Io una volta ero un bambino ma volevo giocare a fare il parlamentare e così sono salito sul trans che si chiama desiderio direzione montecitorio
  • Vergogna, scandaloso lavaggio del cervello a dei giovani che non possono fare scelte. Se fossi tra i genitori di questi allievi ritirerei mio/a figlio/a immediatamente dalla scuola e pretenderei le scuse del preside!
Commenti