Onda Pride: oltre un milione mezzo di manifestanti in meno di quattro mesi



In un'estate insanguinata dall'odio, l'Onda Pride ha portato in piazza oltre 1 milione e mezzo di partecipanti in meno di 4 mesi. È questo il bilancio definitivo dopo i 10 mila partecipanti al Salento Pride e i tremila di Novara.
E mentre una parte dell'italia difendeva i diritti delle minoranza, è nelle stesse ore che una piccola accozzaglia di fondamentalisti leghisti si è adunata a Pontida per assistere al rituale pagano che ha visto il loro "capitano" pronto ad abusare di una una bambina di Bibbiano che è stata da lui usata come feticcio propagandistico davanti ad una folla che sbraitava inulti contro gay, ebrei, migranti e stranieri, spesso sfociando anche nella blasfemia e nell'offesa al cristianesimo. Non male dato che un mese fa Salvini diceva che chi usa i bambini in politica gli «faceva schifo» mentre tirò in ballo suo figlio per cercare di farsene scudo davanti a chi gli chiedeva conto del perché lo facesse giocare con i mezzi della Polizia di stati.  Davanti all'evidenza di quale sia stata la vera «carnevalata» dato che, tra un'aggressione ai giornalisti di Repubblica e un abuso dei minori, quello è il termine con cui i leghisti amano apostrofare i pride.
1 commento